Perchè Forza Horizon 4 ha sbaragliato la concorrenza?

Ad una settimana dal lancio, erano già state vendute 2 milioni di copie di Forza Horizon 4, ed ora il numero di giocatori a livello mondiale supera i 10 milioni.

Nessun altro gioco di corse per Xbox ha mai raggiunto risultati anche solo comparabili: Forza Horizon 3 ha venduto 2,5 milioni di copie, ed il più popolare tra i Forza Motorsport, il quinto capitolo, quello che ha segnato un “prima” ed un “dopo” nel mondo dei videogiochi di corse, circa 2 milioni.

Ecco alcuni motivi per cui il mondo dei videogiocatori automobilistici ha mollato volanti e pedaliere in favore di un irrealistico arcade…

Spegnere il cervello

Il primo motivo per cui Forza Horizon 4 è così apprezzato è il fatto che ha risolto il peccato originale di ogni gioco di corse.

Mentre infatti con un Forza Motorsport si può solamente correre in pista, costantemente alla ricerca di una traiettoria ottimale o di un sorpasso impossibile, in Forza Horizon si può letteralmente “spegnere il cervello” e lasciarsi trasportare in un mondo parallelo, fatto di salti, sterrati da sogno, tornanti…

Così facendo, si baratta un’esperienza di guida abbastanza realistica in favore di un gameplay completamente arcade, in cui tutti possono diventare drifter o rallysti in poco tempo, e dove la fisica lascia spazio alla fantasia.

A livello teorico, ciò potrebbe apparire assurdo, in quanto è dai tempi di Gran Turismo 4 che chiediamo un’esperienza di guida realistica in un videogioco, ed ora che l’abbiamo ottenuta, ci siamo lanciati in un arcade.

La realtà però è che non sempre si ha voglia di partecipare a competizioni quando si accende la Xbox, spesso si è semplicemente in cerca di un momento di relax, che le competizioni non donano, mentre la totale libertà di Forza Horizon sì.

Tempi di caricamento

Più passano gli anni, meno pazienza abbiamo nei confronti dei tempi di caricamento di un dispositivo elettronico: mentre qualche anno fa era accettabile attendere per un paio di minuti prima di iniziare una gara virtuale, oggi, “viziati” dalla crescente potenza dei device, non siamo più disposti ad aspettare.

Mentre in un gioco di corse tradizionale, come Forza Motorsport, bisogna attendere un po’ prima dell’inizio di una gara, infatti, con Forza Horizon è tutto immediato: una volta avviato il gioco, non passa più un secondo di inattività.

Varietà

Oltre ai videogiochi di corse su pista, Horizon ha fagocitato anche Need for Speed, Dirt e gli altri giochi “monotematici”, ed il motivo è presto detto.

Al suo interno, contiene già tracciati da rally, tornanti per il drift, aree acrobazie ed anche corse clandestine: l’unico elemento che manca è la presenza della polizia che insegue, ma considerato il sapore di “minestra riscaldata” degli attuali Need for Speed, forse è anche bene così.

Il suo essere poliedrico combatte la noia che si provava dopo aver giocato per un mese allo stesso videogioco: non serve più cambiare disco per vivere un’esperienza diversa, ma basta spostarsi nella mappa.

La grafica

L’aspetto grafico è uno dei più importanti in un videogioco: anche se i “puristi” della console lo negano, il modo in cui un gioco si presenta ai nostri occhi condiziona la nostra voglia di giocarci o meno.

Prendiamo come esempio Assetto Corsa o Project Cars, due simulatori che sanno anche divertire, che donano maggiori emozioni di una partita media a FH4, ma quando si tratta di scegliere il disco da inserire nella console, vengono spesso scartati proprio perchè graficamente datati.

Microsoft con i suoi modelli poligonali perfetti ed i riflessi delle luci eccellenti ci ha abituato bene, ed ha fatto invecchiare istantaneamente tutti quei giochi che si basano su modelli 3D prodotti da terzi o altri in cui le luci non sono riprodotte bene. L’unico che si salva, proponendo una grafica ancora più “perfetta” è Gran Turismo, ma essendo solo per PlayStation, non è un concorrente di Forza Horizon, esclusivo per la Xbox.

Parco auto

Normalmente, un gioco di corse quando viene presentato propone alcune auto appena uscite, affiancate ad un buon numero di classiche.

Il problema è che con il passare degli anni, le auto vengono ristilizzate e sostituite, e ne vengono presentate di nuove: chi non ha voglia di correre con un’auto presentata una settimana prima?

Solitamente, i giochi di corse presentano allora dei pacchetti auto, che permettono di ottenere automobili più nuove o speciali, proposti però a pagamento.

La forza di Forza (ops) sta anche nel fatto che le auto non vengano più aggiunte in questa maniera, bensì con sfide settimanali: ciò permette di catalizzare tutta l’attenzione dei giocatori anche a 2 anni dal lancio, ma richiede pure uno sforzo immenso a monte per proporre almeno 1 auto nuova a settimana…

In conclusione

Forza Horizon 4 è in un certo senso la rovina dei giochi di corse: se ne approfitta della nostra voglia di avere tutto subito, e di poter cambiare istantaneamente attività, per dominare sul panorama videoludico a quattro ruote, dando un sapore di “vecchio” ad ogni altro genere.

In cambio, ci offre però un’esperienza di gioco divertente, una grafica spettacolare, sfide online creative ed auto sempre nuove, che non si guidano bene quanto in Assetto Corsa, ma nemmeno male come in Need For Speed.