Pagelle di metà anno Formula 1 2020: Renault

Introduzione (l’articolo prosegue dopo la lista)

Quest’anno è ormai mediaticamente caratterizzato dalle sfortune che si è portato con sé. Gennaio ha debuttato con i catastrofici incendi dell’estate australiana, un disastro che nel mese di marzo ha lasciato il passo al famigerato Coronavirus, passando per una terza guerra mondiale sfiorata a febbraio.

Un 2020 bizzarro che ha interagito con la Formula Uno al punto tale da plasmarle quasi un nuovo volto, tramite la raccolta fondi realizzata a sostegno dell’Australia e tramite la nettissima presa di posizione del Circus nell’orbita del movimento “Black lives matter”.

Tuttavia, è nel confusionario weekend di apertura in Australia che si è consumato l’impatto frontale tra Formula Uno e 2020. L’inizio di campionato slitta così al 5 luglio con un calendario accorciato che, salvo sorprese, dovrebbe chiudersi ad Abu Dhabi con il round numero 17.

Eccoci quindi dopo l’ottava gara a proporvi le classifiche di metà stagione 2020.

Pagelle team per team:

  1. Mercedes AMG Petronas
  2. Red Bull Racing
  3. Scuderia Ferrari
  4. Racing Point
  5. McLaren
  6. Renault
  7. Alpha Tauri
  8. Sauber Alfa Romeo Racing
  9. Haas
  10. Williams

Renault

Ricciardo 9-: si conferma brillante e costante. Spinge costantemente la vettura ai suoi limiti e più volte si è piazzato in testa al centro gruppo. Quest’anno potrebbe, con un pizzico di fortuna, tornare a bere champagne, traguardo a cui si è avvicinato molto in Belgio.

Lodevole come, seppur da separato in casa, continui ad avere tutta la grinta che lo contraddistingue.

Posizione in classifica piloti: 10° con 41 punti


Ocon 6: rientro in massima categoria un po’ opaco per il pilota che avrebbe potuto prendere il posto di Bottas e che era portato in palmo di mano all’interno dell’orbita Mercedes.

Le prestazioni non sono tuttavia pessime, ma sempre inferiori al compagno di squadra e non accennano a migliorare.

Posizione in classifica piloti: 12° con 30 punti


Renault 6.5: leggeri miglioramenti rispetto all’anno scorso, ma per il marchio della losanga continua a tardare l’anno del riscatto. Nonostante il capitale a disposizione, il team continua a non concretizzare il suo potenziale e ottiene come risultato la perdita di Ricciardo, il quale ha evidentemente perso fiducia nel
progetto.

L’assunzione di Alonso al suo posto scalda il cuore agli appassionati, ma denota una propensione a voltarsi indietro per Renault piuttosto che a guardarsi avanti.

Posizione in classifica costruttori: 5° con 71 punti
Gara: Ric 5 – 1 Oco
qualifiche: Ric 7 – 1 Oco
% punti del team: Ric 57% – 43% Oco