Forza Horizon 4 con volante. Meglio o peggio del controller?

Forza Motorsport 7 con il volante è tutt altra cosa rispetto al controller. I tempi generalmente si abbassano, ma l’esperienza è ultra-coinvolgente. Si deve faticare per tenere le auto in strada, si lotta per tenere la corda, derapare richiede una grandissima concentrazione, ma è proprio per questo che è spettacolare. Forza 7 senza volante non è niente, credetemi.

Forza Horizon 3 invece con un volante faceva pietà. Lo sterzo era vago ed approssimativo, non c’era force-feedback, e lo sterzo era leggerissimo anche ai minimi. Era decisamente meglio usarlo con il controller.

E Horizon 4? Scopriamolo assieme con questo test.

Il volante

Piccola disclaimer: il volante usato nella prova è un Logitech G920 con force-feedback, composto di pedaliera e volante separati. I risultati di questo test sono quindi da riferirsi a questo modello di volante in particolare, anche se molto probabilmente la situazione è la stessa con dispositivi simili.

Horizon 4 sulla carta dovrebbe essere decisamente meglio del precedentemente capitolo (anche) riguardo questo aspetto, grazie alla nuovissima visuale abitacolo, zoomata sull’asfalto, nata con il simulatore Assetto Corsa e che sembra destinata a far molta più strada rispetto alla complessa visuale abitacolo precedente. Horizon, però, non si gioca sulla carta, ma sulla Xbox, quindi non possiamo partire solo da questo presupposto per parlarvi di miglioramento.

In realtà Horizon 4 con il volante non è come Forza 7, e questo è abbastanza scontato. Non si tratta di limiti di volante, ma di come è strutturato il gioco, perchè non simula perfettamente la guida di ogni vettura, ma è arcade, in soldoni “alla buona”. In Forza 7 non puoi entrare a 150 all’ora in una curva stretta ed uscirne, qua si, e se piove le differenze sono minime rispetto all’asciutto. Le curve non si pennellano altrettanto bene, il force-feedback è minore e se si usa la visuale esterna sembra di giocare a Outrun. No okay, facciamo Gran Turismo 4.

Rispetto al 3, invece, è una rivoluzione. Finalmente il volante non si limita a curvare le ruote dell’auto, ma fa faticare, rende intrigante guidare su asfalto, e su sterrato serve grande allenamento per non sembrare dei totali incapaci. Con la visuale interna è la morte sua, mentre le due esterne proprio non sono compatibili. Per iniziare a capire le dinamiche, la Fiesta ST va benone, poi pian piano si può passare a veicoli più difficili, introducendo gradualmente anche la ben più complessa trazione posteriore. Il punto forte del volante rispetto al controller è il dosaggio, si riesce a dosare meglio il gas per non guidare come bimbi di 5 anni che si schiantano contro tutti gli ostacoli, e si riesce a controsterzare in maniera non palesemente resa facile dal gioco. Di conseguenza, mentre derapare con il controller è facile banale e scontato, derapare con il volante è un’operazione complessa. Servono le auto giuste, e in questo articolo ve le elenchiamo.

In conclusione

Il volante in Forza Horizon 4 non stravolge l’esperienza, ma la rende più raffinata, più competitiva. Non pensate di farci tempi più bassi rispetto al controller, dato che quello aiuta a stare in strada, mentre il volante non perdona. Vi lascia però la libertà totale di dosare acceleratore, freno e sterzo, facendo sì che ogni centesimo di secondo che limerete dal vostro tempo sul giro sia solo farina del vostro sacco, e non programmata per essere così da altri. W il volante e W Horizon 4 e tutte le possibilità che ci offre. Se siete interessati all’argomento, non perdetevi la nostra (entusiastica) recensione, la nostra guida all’acquisto e la nostra guida per creare circuiti. Alla prossima!




Contattaci all'indirizzo yuk4woo@gmail.com per saperne di più!

Autore dell'articolo: Yuk4woo

Salve a tutti sono Yuk4woo e questo è il mio blog a quattro ruote.

Fai sapere la tua opinione!