Nuova edizione speciale della Subaru WRX: arriva l’esclusiva WRX STI Type RA-R

La Subaru Impreza, pardon, WRX, è un’icona mondiale per quanto riguarda il rally, avendo trionfato per due decenni nella categoria più fangosa del motorsport mondiale. Ora è cresciuta, ma se pensiate che sia maturata, vi sbagliate di grosso. Si tratta di una quasi trentenne che gioca ancora a fare la ragazzina. Ci è stata proposta un po’ in tutte le salse, ma adesso è arrivato il momento che tutti aspettavamo, una VERA auto da rally stradale, per celebrare i primi trent’anni del reparto Subaru Tecnica International. Quale migliore regalo di compleanno di una serie limitata di 500 esemplari del proprio modello di punta?

 

Per svilupparla, in Subaru hanno tenuto fissati in testa tre concetti fondamentali: leggerezza, velocità e divertimento. Un attimo, leggerezza? Su una Subaru? Esattamente, la leggerezza è uno dei fattori chiave di questa WRX fuori dal comune, che infatti perde 40 chili (chissà che dieta avrà seguito) rispetto alla versione “base”, e 30 in meno rispetto alle precedenti versioni speciali. Sotto il cofano scalpitano 329 rumorosi cavalli giapponesi, come sempre in conformazione “boxer”, e questo aumento di potenza fa sì che il rapporto peso-potenza sia il migliore di sempre ad indossare lo stemma delle Pleiadi. Uno dei fattori chiave di questo motore, che in Subaru hanno battezzato EJ20, è la rigidità, che aiuta l’intercooler a lavorare ai propri regimi preferiti. Per la gioia di chi dovrà limitarsi a guardarla, lo scarico è stato completamente innovato, per “rendere più regolare l’accelerazione”, che tradotto vuol dire che farà tanto di quel baccano da perforarvi i timpani. E se non basta questo a renderla l’auto dei vostri sogni, aggiungiamo pure che il sistema degli ammortizzatori è stato sviluppato appositamente per l’auto, e ciò significa che in curva farà stridere i suoi Michelin Pilot Sports 4s, per poi in staccata incendiare di rosso i Brembo.

Adesso arriva il momento triste dell’articolo. I 500 esemplari saranno disponibili solo nel mercato giapponese a partire dal 19 luglio 2018 al 17 dicembre 2018, al prezzo di 5 milioni di yen, ossia 40 mila euro. Quindi, se ne volete una, vedete bene di organizzare una gitarella in Giappone, magari prima della fine delle vacanze estive, per mettere le mani su questo bolide. Oppure potrete costruirvelo voi. Ecco cosa vi servirà:

  • Antenna a pinna di squalo color nero
  • Una striscia rossa nella griglia frontale
  • Stemmini STI sul fianco su sfondo nero
  • Coperture degli specchietti in fibra di carbonio (o color fibra di carbonio)
  • Paraurti posteriore con una striscia rossa sopra il diffusore
  • Stemmino RA-R e STI 30th sul portellone (fateli stampare dall’amico studiato)
  • Togliere l’alettone posteriore. Poi iniziare a piangere e rimetterlo al suo posto. Potrete sempre dire “è l’unica RA-R con anche l’alettone posteriore”. Ossia la più bella in circolazione

 

Specifiche tecniche dichiarate dal costruttore (quindi se non le riscontrate non lamentatevi con noi)

Qui indossa il pacchetto aerodinamico, notare infatti l’ala posteriore, le appendici aerodinamiche e lo splitter anteriore

 

Potenza massima 324 CV
Coppia massima 432 Nm
Dimensioni motore 2000 cc
Dimensioni vettura (lung, larg, alt) 4,595 m; 1,795 m; 1,465 m
Peso a secco 1480 kg
Peso in ordine di marcia 1755 kg
Altezza da terra 130 mm
Trazione 4WD

Fattore Yuk4woo:

Subaru WRX STI RA-R: 9.5/10

Difetti: manca l’alettone

 

 

Contattaci all'indirizzo yuk4woo@gmail.com per saperne di più!

Autore dell'articolo: Yuk4woo

Salve a tutti sono Yuk4woo e questo è il mio blog a quattro ruote.

Fai sapere la tua opinione!