Presentata da Toyota la nuova Aygo. Come si è evoluta la piccola di casa Toyota?

La piccola di casa Toyota con il suo look stravagante, ma al tempo stesso fresco e giovanile, spopola nelle grandi città, essendo un ottimo compromesso tra prezzo, qualità e versatilità. Vediamo come si è evoluta nella nuova serie presentata il 14 giugno 2018 da Toyota.

Le novità si notano subito, guardando l’esterno della vettura. La “x” sul frontale, che caratterizzava la Aygo precedente, è stata completamente rivista, e da elemento bidimensionale è divenuta un elemento tridimensionale decisamente più gradevole alla vista del precedente. Il muso è così più aggressivo e modaiolo, e rispetto alla precedente non risulta così fuori luogo. I fanali sono stati modernizzati, e da stravaganti sono diventati seri ed aggressivi, così quella che era un’auto descrivibile con la parola “stravagante”, ora può essere invece ritenuta “seria ma emozionante”, anche se siamo comunque nell’ambito delle citycar, in cui i fattori più importanti sono il prezzo e la versatilità. Sotto ai fanali sono stati posti dei particolari inserti, puramente estetici, che paiono prese d’aria, e nonostante quello che si potrebbe pensare, non risultano eccessivamente plasticosi e falsi. Si possono avere neri o argento, potendo scegliere quindi tra sportività (nero) ed eleganza (argento). Un altro nuovo elemento sono le striscie che si collegano ai fanali anteriori e percorrono tutto la fiancata dell’auto, secondo Toyota per “accentuarne il dinamismo”, e, nonostante citycar non sia sinonimo di dinamismo, parrebbe proprio che svolgano il loro lavoro. Sono stati inoltre aggiornati i fanali posteriori, ora a LED, e i paraurti sono stati ribassati ed allargati, dando un senso di agilità. La Aygo sarà disponibile in otto tinte, di cui ben due nuove: Rich Blue metallizzato, ossia un azzurro intenso, e Magenta Splash Metallizzato, il primo la rende un’auto da ragazzo neopatentato, il secondo una piccola vettura da ragazza che non vuole la solita Ypsilon.

Sarà venduta in diversi allestimenti, per accontentare una fascia di clienti ampia e trasversale. Partiamo con la x-cool, la base, che è dedicata a chi abita in una grande città e cerca un’auto da parcheggiare un po’ ovunque e da usare come banale mezzo per andare da casa al proprio ufficio. La x-fun è dedicata ai neopatentati, l’x-play è l’allestimento di media gamma, monta tutto quello che serve per rendere la Aygo una signora auto, da guidare tranquillamente nel proprio paesino. La x-clusiv, che sarà disponibile in Italia da ottobre, è invece la versione più accessoriata, per chi cerca una vetturetta chic. Su tutti gli allestimenti eccetto la x-cool saranno disponibili i più moderni sistemi di connettività ed infotainment, e ci pare un’ottima ragione per acquistare la x-cool. Tutte le Aygo monteranno il Toyota Safety Sense, che consiste in frenata automatica di emergenza (tra un po’ la ritroveremo pure sui carrelli del supermercato, ma meglio così) e il simpatico cicalino che vi rimprovererà quando uscirete dalla vostra carreggiata. Sarà stato messo anche per ricordarvi che non si tratta di una vettura in grado di effettuare sorpassi? Probabile, dato che 72 cavalli sotto al cofano non possono fare miracoli, come è giusto che sia.

Scheda tecnica (dati dichiarati dal costruttore)

Potenza massima 72 cavalli
Velocità massima 160 km/h
0-100 13.8 sec.
Cilindrata 998 cc
Coppia massima 93 Nm
Consumi 24,4 km/l
Emissioni di CO2 93 g/km
Classe di emissioni EURO 6.2

Yuk4woo appeal

Toyota Aygo- 6

 

Contattaci all'indirizzo yuk4woo@gmail.com per saperne di più!

Autore dell'articolo: Yuk4woo

Salve a tutti sono Yuk4woo e questo è il mio blog a quattro ruote.

Fai sapere la tua opinione!