Top Drives. Recensione e gameplay del nuovo gioco di Hutch Games

I giochi di guida per dispositivi mobili hanno sempre avuto enormi difetti che non ne hanno intaccato la popolarità, ma non hanno permesso che fossero apprezzati anche da non appassionati del genere. Alcuni hanno un gameplay di tutto rispetto ed un’ottima grafica, ma pesano un sacco e causano frequenti crash, mentre altri sono relativamente leggeri, ma sono dei tap-to-win tutt’altro che appassionanti. Esiste un compromesso? La risposta è sì, esiste. E si chiama Top Drives.

Cos’è

Top Drives è un innovativo videogioco per dispositivi mobili sviluppato da Hutch Games in collaborazione con la rivista di automobili EVO. Permette di sfidare altri piloti al volante di oltre 700 auto, proseguendo nella carriera per ottenere nuove auto da aggiungere alla propria collezione. E fino a qui, la novità è solo il parco auto vastissimo. La seconda novità, quella più importante, è la modalità di gioco.

Non si guida la propria automobile, come in tutti gli altri giochi del genere, ma l’abilità del giocatore sta nello scegliere le auto da portare in pista contro le auto degli avversari. La gara si svolgerà automaticamente tra automobili stilizzate, e per vincere bisogna ottenere più punti dell’avversario nelle 5 gare in cui lo si sfida.

Inizialmente il gioco consiste nel compiere un giro del mondo attraverso tutti i luoghi dove vale la pena guidare, sfidando man mano avversari più difficili e infine i boss di quel luogo, che se battuti ci daranno la loro auto, in genere molto performante. Successivamente, una volta terminato il giro del mondo a Montecarlo, dove il boss di turno ci affiderà le chiavi della sua McLaren Mp4-12C, il gioco si stravolge. Non si correrà più contro le auto schierate dal computer, bensì contro gli schieramenti di altri giocatori reali, in sfide con restrizioni che permettono l’accesso alla gara solo ad alcune auto, e riuscire a trovare e gestire le migliori tra le auto ammesse sarà necessario per essere competitivi nella grandissima comunità di Top Drives.

Il vero divertimento sta però nel collezionare le differenti carte delle auto, ispirate al caro vecchio gioco di carte Top Trumps (chi non ci ha mai giocato?), e accumularle nel garage, scegliendo quali auto tenere e quali no a causa dei limitati posti nel garage.

Le auto

Le oltre 700 auto, tutte presenti su licenza, sono divise in 6 classi, in base ai loro valori di velocità, 0-60 miglia orarie, tenuta di strada, trazione e tipologia di pneumatici. Sono:

  • Classe F, automobili normali, che si possono trovare nei parcheggi dei supermercati, come la Ford Ka, la Chevrolet Matiz e la Honda Jazz, o vecchie automobili, come la Renault 5, la Mercedes-Benz 190 E e la Subaru Pleo. Verranno utilizzate principalmente nella prima parte del gioco, andando così ad accontentare tutti coloro che trovano assurdo iniziare una carriera al volante di un’auto già potente, e preferiscono iniziare dal nulla.

  • Classe E, automobili più potenti rispetto alle auto di classe F, si tratta comunque di automobili comuni, come la Ford Mondeo, la Chevrolet Aveo e Cruze, o vecchie automobili sportive oramai obsolete, come la Chevrolet Camaro ZL1 del ’69, la Buick Roadmaster e la Ford Escort RS2000. Verranno usate per un bel po’, essendo comuni ma comunque abbastanza potenti. La Chevrolet Impala sarà una valida automobile per proseguire nella carriera.

  • Classe D, automobili moderne abbastanza potenti, come la BMW 520i, la Honda Accord Hybrid e la Mercedes E220, o automobili una volta molto sportive, ma che oramai non sono più veloci di una moderna Mondeo, come la Mercedes 190 E 2.3,  la BMW M3 dell ’86 e la Audi Quattro, ma anche fuoristrada scarsamente potenti ma perfetti per le corse su sterrato, come la Nissan Terrano, la Honda CR-V e il Ford Ranger. Queste sono probabilmente le auto più versatili, perchè relativamente facili da trovare ma molto efficienti.

  • Classe C, automobili moderne con motorizzazioni più spinte, come la BMW 530D, la Subaru Legacy e la Ford Mercedes C43 AMG, oppure vecchie supercar, come la BMW M5, la Corvette C4 e la Honda S2000. Per quanto concerne il mondo dell’off-road, troviamo auto a trazione integrale come la Nissan Qashqai, la Subaru Levorg e la potentissima Chevrolet Trailblazer SS. Le auto di classe C saranno quelle che si useranno di più durante l’avanzamento nella carriera, e anche dopo il suo completamento.

  • Classe B, automobili sportive come la Ford Mustang GT, l’Audi S6 e la Mercedes SLC 43 AMG, e fuoristrada come la Mercedes GLC, la BMW X5 e la Hummer H3, o giocattoli da pista come la Lotus 340R e la Caterham Seven. Le auto di questa categoria sono inizialmente difficili da ottenere, e saranno soprattutto dei veri ossi duri da battere.

  • Classe A, automobili sportive ad alte prestazioni, come la Corvette Stingray 2016, la Impreza 22B e la Honda NSX-R, e per quanto riguarda l’ambito delle trazione integrale troviamo l’Audi SQ5, la GMC Yukon e la Mercedes GLE 63 AMG S. Si tratta di auto che verranno guidate più avanti nella carriera, delle quali si avrà un’anteprima vincendo la Mercedes CLS 400 contro il primo boss tedesco.

  • Classe S, supercar e hypercar come la Bugatti Chiron, la Pagani Huayra e la TVR Cerbera Speed. Verranno guidate solo nelle fasi finali del gioco, quando la nostra racing quote, ossia la massima potenza delle automobili che si possono schierare in gara, sarà abbastanza alta da poter schierare questi esotici capolavori d’ingegneria.

Per ottenere le auto bisognerà aprire degli appositi pacchetti, contenenti un diverso numero di carte in base al costo. Esistono pacchetti che potrebbero dare qualunque auto, ed altri che invece danno solo automobili appartenenti ad una delimitata categoria. Si va dal pacchetto “carbon fibre”, che contiene un’auto di classe B o superiore, al pacchetto “plastica”, che darà almeno un’auto di classe E.

 

Impressioni

Il gioco pare essere il non plus ultra per chi ama le automobili ma possiede già una Xbox e Forza Motorsport. Ottimo passatempo reso sempre fresco dalle sfide giornaliere, che permettono di ricevere enormi premi. Finalmente qualcosa di diverso, che rompe gli schemi di un genere che rischiava di diventare monotono, mix di tutto ciò che piace sia alla massa che agli abituali giocatori di giochi di corse. E pesa solo 500 mega, cosa che ne favorirà la diffusione. Forse non diverrà il gioco più popolare del momento, ma sta già ottenendo milioni di download in tutto il mondo. La frequenza costante di aggiornamenti che introducono sempre più nuove auto e l’abbondanza di eventi lo rendono un gioco duraturo e sempre avvincente.

Per trucchi e consigli continuate a seguire Yuk4Woo.

Contattaci all'indirizzo yuk4woo@gmail.com per saperne di più!

Autore dell'articolo: Yuk4woo

Salve a tutti sono Yuk4woo e questo è il mio blog a quattro ruote.

2 commenti su “Top Drives. Recensione e gameplay del nuovo gioco di Hutch Games

    Michele

    (22 Novembre 2018 - 18:20)

    Devo far l’aggiornamento ma nn ho il wi fi non mi interessa se costi ma però non mi lascia far l’aggiornamento cosa devo fare sopratutto cge x sbaglio ho disinstallato il gioco voglio ri installate e aggiornare ma senza wi fi

      Yuk4woo

      (22 Novembre 2018 - 20:17)

      L’aggiornamento di Top Drives alla versione più recente è abbastanza pesante, e purtroppo sfora il limite di 150 mega scaricabili su iPhone. Occorre un wifi sia per installarlo che per aggiornarlo purtroppo, e non ci sono modi attuabili facilmente per arginare questo limite. Un consiglio che posso dare è quello di cercare un bar o un autobus in zona con un wi-fi gratis e far partire l’aggiornamento, oppure di farsi fare hotspot da un amico.

Fai sapere la tua opinione!